Crea sito

La metà del cuore

di Viola Shipman

Ciao a tutti Voi che siete passati da qua,
la recensione di oggi riguarda il terzo libro letto con le amiche del gruppo di lettura #Viaggiatricidicarta ovvero La metà del cuore di Viola Shipman 335 pagine edito da Giunti.

La metà del cuore ha un grande merito. Essere il primo libro ad aver diviso completamente i pareri di noi Viaggiatrici di carta. C’è chi l’ha apprezzato molto e chi invece proprio ha fatto fatica a digerirlo.

TRAMA: E’ passato molto tempo dall’ultima volta che Arden e la figlia Lauren hanno fatto visita a nonna Lolly, nel suo incantevole chalet su un laghetto del Michigan circondato da betulle dorate.
Così, quando Lolly manda loro un biglietto dalla grafia stentata con la preghiera di raggiungerla, si mettono subito in viaggio. Le buste contengono anche due ciondoli d’argento, che come sempre racchiudono un messaggio importante. Quella di regalarsi ciondoli nelle occasioni speciali è infatti una vecchia tradizione di famiglia. Per questo tutte e tre indossano un bracciale da cui non si separano mai: una mongolfiera nel segno dell’avventura, una libellula portafortuna, un cappellaio matto perché nella vita serve sempre un pizzico di follia.
Ma che cosa vuole dire loro nonna Lolly con così tanta urgenza? Quando Arden e Lauren arrivano nella casa sul lago, si rendono subito conto che qualcosa non va. Ci sono segreti racchiusi nei ciondoli che la nonna non ha mai voluto rivelare, ma che possono cambiare la vita di Arden e soprattutto della giovane Lauren, quella che ha sofferto di più in seguito all’abbandono del padre.
E’ arrivato il momento per tre generazioni di donne di ripercorrere il filo rosso del loro passato e affrontare insieme le ombre, le emozioni e i sogni che rendono unica ogni esistenza.

La metà del cuore

OPINIONE: Devo ammettere che La metà del cuore è un libro che senza il gruppo di lettura molto probabilmente non avrei mai letto.
Non rientra nella mia zona comfort, tuttavia io sono nel team che ha apprezzato molto questo libro, nonostante abbia trovato diversi limiti.

La storia di tre generazioni a confronto mi ha emozionata così come il simbolismo legato ai ciondoli dei loro braccialetti.

Il punto forte, per me, è stato proprio scoprire il significato di ogni ciondolo grazie ai racconti di Lolly, la nonna, che ci racconta anche come tutto è iniziato.

Lolly è una nonna sprint, una nonna che emana vitalità da tutti i pori, una nonna sognatrice, esuberante, che mette al primo posto sempre e solo la libertà e la felicità ma scopriamo quanto questo suo modo di essere abbia influenzato la vita di sua figlia Arden.

Arden, la seconda protagonista del libro, è la figlia di Lolly che è il suo esatto opposto. Lascia il piccolo paese sul lago Michigan per trasferirsi a Chicago, dove nessuno la conosce e dove riniziare una vita lontana dalla presenza ingombrante di sua madre. Arden così pragmatica, obbiettiva non ha mai cercato la felicità ma piuttosto la stabilità. A mio avviso due cose che difficilmente vanno d’accordo.
La nota più negativa del libro riguarda il personaggio di Arden, e non per la sua pragmaticità ma per come questa venga infranta da un secondo all’altro facendola innamorare dell’infermiere della madre.
Boh, ecco io questa parte proprio non riesco neppure a commentarla, tanto mi è sembrata assurda.

La vita ha sicuramente messo entrambe davanti a situazioni difficili ma ne La metà del cuore vediamo proprio due modi opposti di affrontare i problemi.

Lauren, terza protagonista del libro, figlia di Arden e nipote di Lolly è legatissima alla nonna, nonostante non la veda da molto. E, diversamente dalla madre, adora ogni ciondolo che la nonna le invia trovando in quest’ultimi un filo che la tiene legata alla nonna. Lauren non è una ragazza felice. E’ una ragazza che cerca in ogni modo di assecondare la madre, eccellendo ad esempio in corsi di studio lontani anni luce da ciò che sogna di fare. L’artista.
Lauren per me è un pò il passato che rinasce nel futuro, infatti pur rispettando molto sua madre è la nonna quella che tenta di emulare, l’esempio che vuol seguire.

La metà del cuore, un libro che mi ha fatto viaggiare attraverso i ciondoli dei braccialetti e attraverso le emozioni di tre donne così diverse ma che alla fine riusciranno a trovare l’equilibrio più giusto per ognuna.

Voto: 7 e mezzo, un libro giusto per l’estate!